Donne voluttuose e filosofe è a voi che mi rivolgo! Fatale di Jean-Patrick Manchette

Fatale di Jean-Patrick ManchetteE’ un misto fra Marnie e Dexter (avete presente il serial killer dei serial killer?). Come loro è precisa, attenta al minimo dettaglio, segue scrupolosamente regole già rodate e dedica tutta se stessa al suo lavoro. Insomma è una vera professionista. Pur essendo di aspetto esile e delicato, si allena quotidianamente ed è di un’agilità straordinaria. Padroneggia perfettamente ogni tecnica per uccidere.

Come Marnie si traveste e cambia identità, cambia il colore dei capelli e persino la personalità. Non si limita ad essere ingaggiata, ma crea le condizioni del crimine. Si infiltra in un contesto e ne esaspera i conflitti in modo che per risolverli sia necessario uccidere. A quel punto si offre di risolvere tutto, in cambio di soldi. Però non dice di essere lei il killer. Essendo una donna, non la prenderebbero sul serio.
“Lei è una persona terribilmente bella e negativa” e come scrive Jean Echenoz nella postfazione: il suo modus operandi è quello di piacere, di farsi amare per poi uccidere. Ma è anche una protagonista confusa. Non si può essere contemporaneamente Marnie e Dexter, bisogna scegliere.
Stiamo parlando di Fatale di Jean-Patrick Manchette. Marsigliese come Izzo e come lui di sinistra – d’altro canto era impossibile non esserlo negli anni Settanta, quando ha cominciato a scrivere – Jean-Patrick Manchette, oltre che romanziere, è stato sceneggiatore, critico letterario e cinematografico, traduttore. Ha scritto una dozzina di romanzi noir ed è lui che ha reinventato il genere in Francia, distaccandosi nettamente dal noir degli anni 50/60. Per lui “il giallo è la grande letteratura morale della nostra epoca” e se la prende con la borghesia tutta: piccola, grande e media. Salva soltanto gli operai.
Dei suoi personaggi non conosciamo la psicologia, non entriamo mai nei loro pensieri, siamo solo spettatori delle loro azioni.
Fatale di Jean-Patrick ManchetteAppassionato di jazz e suonatore di sax, tutti i romanzi di Manchette, ad eccezione di Fatale, hanno un sottofondo musicale. Amante della fantascienza e dei gialli americani, giocatore di scacchi e fumatore incallito di Gauloises e Gitanes senza filtro, muore nel 1995 con un cancro al pancreas.
“Donne voluttuose e filosofe è a voi che mi rivolgo”: è l’ultima frase del romanzo.

Default image
Tiziana Zita
Redattrice in programmi Rai, pubblicista, story editor e producer di serie tv, prima in Rai, poi a Mediaset. Scrivo tanto. Nel 2011 ho creato Cronache Letterarie.

6 Commenti

  1. Grazie! La tua riflessione mi spinge, sicuramente incuriosito, a leggere questo romanzo…

  2. Ci sono tutte le condizioni perché mi piaccia. Non avevo mai sentito parlare di Manchette, ma leggendo la recensione mi è venuta molta voglia di colmare la lacuna. Grazie.

  3. Ok, fatemi sapere… in ogni caso si legge facilmente perché è un libricino…

  4. In effetti, le recensioni di questo “giornale” sono così allettanti da non poter fare a meno di avvicinarsi al libro e all’autore.

    GRAZIE!
    Giov

    • 🙂 Giovanna
      C’è una cosa che non posso fare a meno di notare: i cattivi, o meglio ancora le cattive, piacciono tantissimo!

  5. Ciao Tiziana! D’accordissimo sul fascino irresistibile che le cattive suscitano.
    Aggiunto al carrello della ‘spesa’.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.