L’ultimo giro di valzer

di Morena Fanti
e Marco Freccero
15 Giugno 2021
Leggi il Primo Capitolo attualmente in vetrina. Accanto trovi tutte le informazioni sul libro che stai per leggere e sull’autore.
Sei invitato a darci la tua opinione. Ti piace? Non ti piace? Cosa non ti convince? Cosa ti sembra eccellente?
Lascia il tuo commento in fondo alla pagina.
Se vuoi acquistare il libro trovi il link qui a destra.

Fare cose assurde non è da me. Due giorni fa, quando ho accettato l’invito, non ho capito la follia che stavo per fare, ma ora, mentre giro la chiave e spengo l’auto, me la sento tutta sulle spalle. Non sono mai venuta a Reggio, anche se avrei voluto: non potevo, mi mancava il coraggio. E ora ci sono venuta per un motivo così futile e una persona di cui m’importa poco. Posso fingere di non essere qui, posso fingere che non sia Reggio Emilia. In fondo, quando sei in una via di una città, cosa ti indica dove ti trovi?

Mi decido e scendo: prendo la borsa e il vassoio delle paste e mi avvio verso il palazzo che porta il numero dieci. Un edificio recente, di cinque piani; a un balcone ci sono dei panni stesi ad asciugare. Mi fermo, mi giro e osservo la zona. Oltre il parcheggio la provinciale; sull’altro lato della carreggiata, intravedo una recinzione e degli alberi.

Controllo di essere in ordine: un’ultima occhiata al cappottino cammello – è la prima volta che lo metto dopo mesi di piumino e di giacconi informi – e alla gonna beige che spunta sulle calze trasparenti. Sembra davvero primavera, anche se siamo solo a metà febbraio. Faccio un respiro profondo e riprendo a camminare.

Leggo i nomi sui campanelli; al primo passaggio non lo trovo. Ripasso tutto dall’inizio e finalmente lo vedo: Francesca Ansaldo, secondo piano. Suono con decisione e spero che sia sopportabile. Una serata intera con una che non conosco e che non so nemmeno se mi è simpatica.

Il portone si apre e io entro, salgo le scale strette reggendo il ridicolo pacchetto delle paste.  Quando arrivo al piano, trovo la porta socchiusa e nessuno ad attendermi. Sento uno strillo potente, la porta si apre e davanti a me, con i capelli rossi cortissimi e una bambina in braccio, c’è una figlia dei fiori in tunica ricamata, jeans sbiaditi a zampa d’elefante e piedi nudi. Deglutisco, sorrido. «Sei Francesca, immagino. Io sono Alessandra».

Lei si fa da parte. «Entra. Che bello conoscerti».

Quando la porta si chiude alle mie spalle chiedo: «E questa piccolina che fa i capricci come si chiama?».

«Ludovica».

«Non mi avevi detto che hai una bimba. È bellissima. Quanti mesi ha?».

«Nove» risponde lei a voce bassa.

Mi sembra triste mentre lo dice. «Spero che le paste ti piacciano».

«Puoi portarle in cucina?». Con il braccio mi indica la direzione. Mi segue e, quando poso il pacchetto, mi tende la bambina e mi fa segno di prenderla. Sono così sorpresa che non reagisco, la prendo e la sento subito pesante sulle braccia ma è un peso dolce, buono. Sto annusando il suo profumo, ma la bambina attacca a frignare di nuovo, così Francesca me la prende e si allontana. «È bagnata. Se non la cambio non ci lascerà in pace». Mi fa segno di sedermi. «La sistemo e arrivo».

La guardo allontanarsi; è molto minuta e, forse perché è scalza, sembra una ragazzina. È più bassa di me di dieci centimetri almeno. Poso il vassoio e mi guardo attorno. Osservo gli oggetti sul mobile: biberon e giochini di gomma, un blocco per le note, una penna mangiucchiata in cima, il cellulare, un bavaglino sporco. Nessun segno di presenza maschile. Sembra che Francesca e Ludovica vivano sole. E poi è sabato sera: se ci fosse un uomo sarebbe qui. Forse Francesca è una ragazza madre, magari il padre della bambina non ha voluto sposarla.

Mi avvicino alla finestra e guardo la sera. Sento qualche rumore che arriva dalla camera, un gorgoglio da bambino piccolo, le parole di lei che suonano tranquillizzanti. Una bella bambina; per un attimo mi è piaciuto averla in braccio. Mi chiedo cosa faccio qui. Mi irrita stare da sola; quando si hanno dei bambini, non si può cenare con degli estranei. Lasciarli da soli in cucina e sparire.

Sul tavolo ci sono due piatti e una zuppiera; l’apparecchiatura è strana: posate colorate, tovaglioli di carta e bicchieri di cristallo. Il vino, in cartone, è quello che pubblicizzano in tv. Sento una fitta allo stomaco.

Tendo le orecchie verso il corridoio: silenzio assoluto. Mi alzo e mi dirigo verso la porta finestra, osservo un po’ in giro. Nient’altro che una serie di palazzi che si allontanano lungo la provinciale, e laggiù la linea dell’orizzonte che sta per essere inghiottita dal buio della sera.

Sul lavandino scorgo una kalanchoe moribonda, con gli steli piegati e le foglie chiazzate di marrone. Mi avvicino per osservarla. Il sottovaso è pieno di acqua; lo sollevo e lo vuoto nel lavello. «Ma come si fa. Mica è difficile. E frequenta pure il forum!». Apro il primo cassetto. Trovo subito le forbici, anch’io le tengo lì. Taglio gli steli appassiti e le foglie con le punte rovinate. Sotto ci sono i fiori nuovi che premono per salire. Butto tutto nel sacchetto attaccato allo sportello e metto le forbici al loro posto. Sento dei passi alle mie spalle, mi drizzo, rispolvero il mio sorriso e mi volto.

Francesca mi viene incontro, mi bacia sulle guance, mi stringe le mani, le sue sono fredde, pallide; il volto è affilato e la voce incrinata, come se fosse sul punto di piangere. Ha gli occhi verdi e un bel viso, ma è troppo magra.

Ceniamo; all’inizio parliamo del forum di Cactus&Co, dove ci siamo conosciute, del web, di Internet. «Ho iniziato a usare il pc a casa da quando le serate sono troppo lunghe» ha detto guardando un punto del muro di fronte, vicino all’orologio che segna le ventuno.

Francesca si è iscritta al forum da tre mesi; ho capito subito che era una sprovveduta. Io sulle piante grasse non ho nulla da imparare. Mi piace il forum perché posso postare le foto delle mie creature spinose e godermi i commenti invidiosi degli altri iscritti. Lei ha capito che io ne sapevo abbastanza sull’argomento e ha iniziato a tampinarmi con le sue domande. Mi ha chiesto l’indirizzo di posta elettronica e mi ha mandato una mail con la richiesta di potermi telefonare “per avere delle dritte sulla coltivazione delle piantine”. Per un po’ ho rifiutato; poi mi sono detta: se è una scocciatrice ci metto poco a liberarmene. La nostra conoscenza si limita a questo; non so di cos’altro potremmo parlare.

La guardo mentre si alza; lo fa spesso, va a controllare continuamente in camera la bambina. Vedo sul mobile della cucina un interfono. Non riesco a trattenermi e chiedo: «È guasto?».

Lei sorride, dice che funziona bene. Sembra più bella quando sorride, con quel viso dall’aria dolce e gli occhi grandi che si illuminano. Il tipo di donna bisognosa di attenzioni che piace agli uomini. Non aggiunge altro, col cucchiaio sfrega il fondo del piatto vuoto, poi dice: «Ti piace?».

«Buona» rispondo per pura cortesia. È una zuppa di verdure discreta, ma niente a che vedere con quella che preparo io.

«Vero? E poi dicono che i surgelati non sono buoni».

Tossisco. Lei mi versa un po’ di birra – ho rifiutato il vino del cartone -, guarda di nuovo l’interfono e dice: «È che ho sempre paura di qualcosa. Da quando il suo papà è morto, tutto mi fa paura». Fa una pausa e aggiunge: «Dovrei essere forte, per lei».

Mi impongo di stare calma. «Non parlare così. È una reazione naturale. Presto te la lascerai alle spalle. E poi non c’è motivo di avere paura».

«Lo pensi sul serio?».

Non lo penso affatto, ma annuisco. «Da quando sei sola?».

«È successo prima di Natale. Quasi due mesi… ». Ho un brivido, ma non ho il tempo di ascoltarlo; vedo che sta per piangere e intervengo subito. La tocco con la mano sul braccio e le lacrime si bloccano.

Lei mi ringrazia con lo sguardo umido. «Ti sento già così vicina. È bello avere qualcuno con cui aprirsi. Sono state settimane terribili».

Non ho voglia di ascoltare il suo dolore. Ho già il mio. Anch’io ho lottato con settimane terribili. Francesca combatte con le lacrime; ha l’espressione dolente di chi non sa cosa deve fare. Chi prova un dolore pensa sempre di essere l’unico al mondo a provarlo.

Mi sale la rabbia. Se Francesca non reagisce, non ce la farà mai. Mi pare che abbia lasciato andare le cose: non è in grado nemmeno di curare una piantina, figuriamoci un figlio.

Sento un brivido lungo la schiena. Restiamo in silenzio per qualche istante, ognuna immersa nella propria mancanza. Non ho mai sentito la necessità di parlarne: sono così. Le mie faccende non devono riguardare gli altri.

La sua voce mi sorprende. «Ho fatto delle scaloppine».

«Io sono già a posto, grazie».

«Un po’ di frutta?».

Faccio cenno di no, lei si colpisce la fronte con una mano: «Le tue paste!».

«Me ne occupo io». Prendo il vassoio, sciolgo il fiocco, tolgo la carta.

Lei si alza in piedi di scatto, fissa il lavello. Mi viene accanto, prende il vasetto e dice: «Come hai fatto? Stava morendo».

«Ho solo tolto le parti secche. Fra due giorni sarà di nuovo tutta fiorita».

Posa il vaso, mi sfiora le mani, me le prende, le tiene nelle sue. «Credi al colpo di fulmine nell’amicizia?».

«Non tanto» rispondo. Fisso le paste come se stessi valutando una primizia al mercato, fingo di non sentire il suo sospiro e prendo un bignè ricoperto di cioccolato. Lo agito e dico: «Prendine uno anche tu. Migliora l’umore».

Gli strilli ci fanno girare di scatto; Francesca si precipita verso il corridoio e io le vado dietro. Entriamo in camera mentre Ludovica intona quello che pare un remake della Cavalcata delle Valchirie. Francesca la solleva e la stringe tra le braccia, le fa posare la testa sulla sua spalla e, come per magia, la bambina si calma, ascolta le parole che la mamma le sussurra nel collo, fa un ultimo singulto e tace. Mi accorgo che ho ancora in mano il bignè. Mi giro attorno per vedere dove posso metterlo, spero in un vaso o magari in un cestino per la carta.

Vedo l’armadio con le ante centrali a specchio – nel riflesso c’è il letto con un copriletto azzurro e due cuscini troppo gonfi – il comò con quattro cassetti semiaperti, un pouf su cui c’è una vestaglia blu a ricami giapponesi.

Quando lo sguardo arriva al comodino sono impreparata; non c’è stata nessuna avvisaglia, nessun preavviso, nessun tremore di stomaco prima di vedere la foto di Ludovica in braccio a Michele. Sento la pressione arteriosa precipitare, le gambe sul punto di cedere.

«Lui è…» dico con un fiato di voce.

Francesca guarda la foto e risponde: «Michele, con Ludovica in braccio. Si assomigliano, vero?».

Non faccio in tempo a notare quella somiglianza che mi pungerebbe il cuore. Non so se sono io a voltarmi, oppure la stanza a ruotarmi attorno; vedo Francesca che mi fissa atterrita, la bocca si muove senza nessun suono, sento la sua mano che mi artiglia il braccio. La nausea mi rende sorda; cado sul suo copriletto azzurro e spero di non vomitarci sopra.

Chiudo gli occhi desiderando che la stanza smetta di vorticarmi intorno e che Francesca smetta di agitarsi. Non so quanti minuti sono passati da quando ho visto Michele nelle vesti di padre. Se almeno fossi sola: urlerei più forte di come faceva Ludovica e romperei qualche vaso schiantandolo contro il muro. La zuppa di verdura preme in gola; sento che vuole uscire. L’acido mi brucia l’esofago, il cuore mi tambura nel petto e gli occhi sembrano punti da cento aghi.

«Bevi un po’ d’acqua». La voce di Francesca mi arriva da un’altra dimensione. Mi sento come se fluttuassi all’interno di una membrana che mi tiene separata da questa parte di mondo. La guardo e scuoto la testa. Vedo le sue parole galleggiare davanti agli occhi, una lettera alla volta, e io, come una bambina, le seguo una per una, le ricompongo: “Devi bere qualcosa. Stai tranquilla. Non è niente. È un po’ di pressione bassa”. E ogni lettera fa un tonfo che rimbomba nella testa.

Lei mi porge di nuovo il bicchiere e prosegue decisa fino al mio viso, mi solleva la testa e mi spinge l’acqua sotto le labbra. Inizio a tossire, mi sento soffocare, come se una mano mi stringesse il collo e mi togliesse l’aria. Francesca si siede accanto a me e mi tiene le spalle; ripete la scena di prima con sua figlia, mi fa appoggiare a lei e, infine, il mio respiro si quieta e torno al mondo.

Quando apro la mano, è sporca di cioccolato sciolto.

***

Ho faticato a svincolarmi dall’apprensione di Francesca, ma alla fine sono riuscita ad andarmene; ho salutato dicendo che stavo bene e preferivo andare a casa e mettermi a letto. Forse è un po’ di influenza, le ho detto, è meglio che stia lontana dalla bambina. Questo l’ha convinta a lasciarmi andare. Però mi ha seguita fin sulle scale: «Mi raccomando, stai attenta. E vai subito a letto. Mandami un messaggio quando arrivi».

L’odore del suo tè all’arancia e spezie, che mi ha forzata a bere dicendo che avrebbe aggiustato ogni cosa – la sua ingenuità non smette di sorprendermi – mi ha seguita fin dentro l’auto. Ho abbassato i finestrini e sono rimasta ad ascoltare il fresco della notte. Il cielo era scuro ma non mi dispiaceva. Tenevo una mano premuta su quel dolore dentro di me, a cavallo tra lo stomaco e le costole, e stringevo i denti.

Ho guidato per un po’ senza vedere la strada, finché non ce l’ho più fatta. Ho accostato la macchina e sono rimasta ferma cercando di capire dove mi trovassi. Ho visto un parcheggio semivuoto più avanti. Ci sono entrata e ho fermato l’automobile. Ho spento e ho abbassato il sedile.

Il freddo, i rumori del traffico, e il dolore, quel macigno che avevo nel cuore, mi impedivano di dormire. Non so come sia accaduto. Forse sono svenuta di nuovo, oppure la tensione che mi stritolava mi ha tolto le ultime forze. Quando ho spalancato gli occhi, la morsa di gelo ai piedi mi ha assalito. Subito dopo sono iniziati i crampi e il dolore alle spalle. Mi sono imposta di stare calma, ho fatto dei respiri lenti come a yoga, e un po’ alla volta il cuore ha rallentato il ritmo. Allora mi ha assalito la paura: se qualcuno avesse sfondato il finestrino per rubare l’auto? Dovevo andarmene a casa, nel mio letto, e dimenticarmi di tutto, di Francesca, della sua bambina – di chi era figlia? chi era l’uomo che l’aveva generata? – e di Michele. Soprattutto di Michele.

Per mesi sono stata presa in giro e, se ho calcolato bene, la mia storia con quell’uomo è cominciata proprio quando lui è diventato padre. Francesca ha detto che Ludovica ha nove mesi, quindi è nata a maggio dell’anno scorso, circa il periodo in cui ho conosciuto Michele.

Credevo di essere furba, pensavo di riconoscere la falsità di certi uomini. Provo ribrezzo per quell’uomo che mi accarezzava di notte. Le sue storie sulla moglie che lo asfissiava. La verità è che lui aveva voglia di qualcosa di diverso e l’ha cercato fuori casa. Io sono stata, per Michele, solo “qualcosa di diverso”.

Sono rimasta qui, accucciata nel dolore. Michele mi ha preso in giro per mesi e io non l’ho mai saputo. È accaduto davvero? Veniva da me tutte le settimane, dormiva nel mio letto e poi tornava da lei, da Francesca. Ma che uomo è, uno che fa questo?

E chi sono io, che non mi accorgo di nulla?

Forse un giorno non ci penserò più, ma ora mi brucia troppo. Credevo di essere per lui il nuovo amore, la nuova spinta alla vita. Invece lui aveva una famiglia vera, con tanto di prole e futuro assicurato.

Ho dormito a tratti, con un sottofondo di rumori che mi faceva sussultare. All’alba, il freddo mi ha svegliata del tutto, allora ho messo in moto la macchina e ho acceso il riscaldamento. Il cielo era grigio e ne sono stata contenta. I palazzi, i lampioni, la strada e, appena oltre, la cima degli alberi. La foschia, che sembrava impigliata tra i rami, tra le antenne dei tetti, penzolava dai balconi.

Ho aperto la portiera e l’aria gelida mi ha investito. Sull’altro lato della strada c’era un bar. Quando ho varcato la soglia mi sono avvicinata alla cassa per ordinare un caffè, un cappuccino e una brioche alla Nutella: «Per il caffè aspetti. Le dico io quando sono pronta».

C’era una ragazza bruna che non aveva voglia di sorridere e, alle sue spalle, uno specchio su cui mi allungavo io. Un volto pallido, gonfio. Ho chiesto dove fosse il bagno.

È stato mentre ero lì, sollevata per non toccare il water, con le mutande abbassate, che ho iniziato a piangere. Ho allungato la mano per prendere un po’ di carta igienica e ho fatto cadere il rotolo. Dopo mi faceva schifo, ma l’ho usata lo stesso. Le lacrime scendevano sulla gonna beige e stampavano macchie rotonde color marrone. Sono arrivata al lavandino e mi sono messa sulla faccia l’acqua fredda, tamponando sugli occhi e sul calore che sentivo nelle guance. Mi sono guardata allo specchio, ho guardato quell’estranea dal viso sconvolto, e ho capito che era tutto finito, la mia vita e la persona che ero stata.

La cameriera mi ha guardata per tutto il tempo; ogni volta che alzavo gli occhi faceva finta di pulire il banco. Continuava a chiedermi se poteva fare il caffè. Alla fine ho detto sì anche se dovevo ancora mangiare la brioche. Tanto non mi andava giù.

Mi sono bruciata il palato con il caffè e sono uscita senza salutare.

Il parcheggio era deserto, mi sono fermata e ho guardato il cielo. Sono salita in macchina e ho guidato fino a Bologna, fino a casa.

***

Non so cosa devo fare. Ho preso delle gocce di valeriana e ho tentato di chiudere gli occhi, ma mi sono rivoltata nelle lenzuola e ho preso a pugni il cuscino. C’era quella foto spaventosa che occupava la mia mente, la rivedevo da ogni angolazione, me la replicavo senza pietà. Mi ripetevo che forse era un sogno, forse mi era sembrato di vedere Michele, magari era solo uno che gli assomigliava.

Sento degli scricchiolii nella testa.

Sto male e non ho nessuno a cui dirlo. Non voglio che gli altri provino pena per me. Non voglio far sapere che stupida sono stata. Lo squillo del telefono mi arriva dalla cucina. Non intendo alzarmi; nessuno può portarmi a riva.

Ecco, ha smesso di squillare. Mi sento la schiena a pezzi e non sono riuscita a togliermi di dosso il freddo. Forse dovrei prendere un’aspirina. Mi devo inventare qualcosa per il pranzo. E chi ha voglia di mangiare? Lo stomaco si rivolta, mi sale nel naso l’odore della zuppa surgelata di Francesca. Francesca: non me la toglierò più dalla mente. Una donnetta insipida come il cibo che cucina, e che mi ha fregato l’uomo.

***

Francesca aveva dormito tutto il pomeriggio. La pulizia della cucina e dei piatti della sera precedente – i piatti sporchi le avevano ricordato la delusione di avere passato poco tempo con Alessandra – le avevano occupato tutta la mattina. Dopo avere dato la crema di riso a Ludovica e averla messa a letto, si era infilata sotto le coperte con la scusa di fare dormire la piccola e si era addormentata.

Si era svegliata di soprassalto credendo di sentire piangere la bambina, ma lei dormiva tranquilla e Francesca era rimasta a letto. La mente lavorava sulla nuova amicizia che stava nascendo tra lei e Alessandra. Era intenzionata a sentirla presto; magari l’avrebbe invitata per il sabato successivo. Chissà se ora stava bene.

Francesca prese il cellulare dal comodino e chiamò: suonava libero, ma nessuno rispondeva. Ludovica iniziò a muovere le mani e aprì gli occhi. Lei si sollevò su un braccio e guardò nel lettino: il suo sorriso le scaldò il cuore.

«Hai fame, tesoro? Ora la mamma ti prepara la pappa e poi giochiamo un po’».

Si sorrisero senza riserve e lei sentì il cuore aprirsi un poco. Si sentiva meglio. Magari poteva impastare una torta da portare al lavoro; alla signora Carla avrebbe fatto piacere.

Stava ancora pensando se fare o no la torta, quando suonò il campanello. Francesca guardò l’orologio: le sette. Mise Ludovica sul seggiolone e andò ad aprire. Era Laura, la ragazza che faceva da baby sitter alla bambina.

«Sono passata a vedere come va».

Si spostarono in cucina; la bambina, che aveva riconosciuto la voce, era già agitata, muoveva le braccia. Laura la prese in braccio. «Il tesoro della zia Laura» disse stringendola. Si  voltò verso Francesca. «Cresce a vista d’occhio».

Francesca disse di sì. Impastò la torta e, mentre metteva nel forno la teglia, chiese: «Com’è andato il fine settimana?».

«Il solito. Casa e studio».

Parlarono dell’università, dei progetti della ragazza, finché il campanello del forno avvisò che la torta era cotta. Laura mise a sedere Ludovica nel seggiolone, diede un’occhiata all’orologio da polso. «Non mi ero accorta che fosse così tardi».

«Resta ancora un po’. Vuoi cenare con noi?».

«No, grazie, devo uscire. E tu, come va? Passata bene?».

«Sì. Tutto bene». Però non aggiunse altro. Le sembrava strano parlare di Alessandra, di quella cena e dell’amicizia che stava per nascere tra loro due. Le sembrava prematuro, anche se era certa che fosse qualcosa di buono e solido. Deglutì, ed ebbe paura. Tornò con la memoria a quel giorno, dove tutto si era dissolto in pochi istanti. Sino a quel momento esisteva un insieme formato da lei, Ludovica e Michele, e l’attimo dopo c’erano solo loro due senza di lui. Si era sentita debole, terrorizzata da ogni ora e giorno che l’attendevano.

Riuscì a liberarsi da quella visione che le toglieva forza ai muscoli delle gambe, e guardò: Ludovica stava giocando con Laura, ma i suoni arrivavano come attraverso un imbuto. Pensò alla cena. «Allora non ti fermi?».

Laura fece di no col capo. «Dovresti uscire di più. Per la bambina».

«È vero». Francesca fece un sospiro profondo.

«Stai bene?». Laura si avvicinò e le poggiò una mano sulla spalla.

«Sono i ricordi».

Laura annuì. «Dicono che il tempo cancella tutto. Io però non ci credo».

«Fai bene a non crederci».

Ora tocca a te: ti è piaciuto? Lascia il tuo commento.
Il migliore riceverà un regalo a sorpresa.

21 Commenti

  1. Capisco la frustrazione della protagonista, non si può uccidere chi è già morto ne ci si può accanire su una malcapitata giovane mamma. L’aspetta un triste futuro senza vendetta.

  2. Questo Primo Capitolo del romanzo lascia intravedere una spirale di sentimenti e dinamiche difficili da controllare. Ha immediatamente richiamato atmosfere e inneschi piscologici alla Ferzan Özpetek. Non so quale sarà il destino delle due donne, che sono, nell’immediato, destinate a dividere chi legge. Scritto molto bene, a quattro mani, quindi l’evoluzione dei personaggi potrebbe offrire risvolti inattesi.

    • Grazie. Il richiamo a Özpetek è molto lusinghiero.
      Innegabile che, essendo due donne e, all’apparenza, una contro l’altra, venga spontaneo parteggiare per una delle due.
      Sarebbe bello sapere chi è più gradita alla lettura.

  3. L’incipit gioca tutto (efficacemente) sulla suspance della situazione narrativa che si verrà a determinare e che solo la voce narrante Alessandra – profondamente ferita ed esasperata dal tradimento di un uomo – conosce. Risulta un pò improbabile che Francesca, la ragazza conosciuta casualmente sul web dalla quale ha deciso di recarsi per liberarsi delle sue insistenze, sia proprio la donna con cui Michele l’ha tradita, avendone anche una figlia. Forse nuovi particolari si aggiungeranno con l’evolversi dell’intreccio, intanto il narratore della vicenda di Francesca si rivela esterno.

    • L’occhio acuto del lettore attento coglie subito il cambio di prospettiva.

      Sembra improbabile davvero che Francesca fosse la donna di Michele.
      Grazie del bel commento.

  4. Forse lascia inizialmente perplessi l’incontro e la rivelazione… guarda caso Alessandra va a cena proprio dall’“altra”, così come sembra strano che si possa accettare un invito a cena da una quasi sconosciuta… ma la realtà, spesso, supera la fantasia. E forse, semplicemente, ognuna ha “sentito” il dolore dell’altra, ignara che si tratti dello “stesso” dolore!
    Chissà se il tempo cancellerà tutto.

    • La realtà quasi sempre supera la fantasia: ci stupiamo spesso di ciò che ci viene raccontato dalla cronaca.
      Spesso ciò che sembra un ‘caso’ è guidato da noi.

    • Leggendo sembrava che a incontrarsi, ignare, fossero una madre che ha rotto con il figlio, ed una nuora con figlioletto!

  5. Ho trovato accattivante l’idea delle due donne che si sono conosciute su Cactus & Co. (sito di piante grasse) e che si incontrano per la prima volta dal vivo. Non sanno niente l’una dell’altra e Alessandra, quella che va in visita, si chiede cosa ci faccia lì, mentre l’altra le piazza una bambina in braccio.
    Francesca, la padrona di casa, sembra non corrisponderle in niente, a cominciare dallo stile di vita.

    Quello che anch’io ho trovato poco verosimile è che finisca proprio a casa della moglie (e della figlia) dell’uomo con cui ha avuto una relazione.
    Mi è sembrato improbabile, tanto che ho pensato che l’altra, la moglie, invece sapesse tutto e che avesse architettato l’incontro proprio per conoscerla. Però “la moglie” sembra del tutto ignara, oltre che ingenua e sprovveduta.
    Almeno è quanto detto fin qui…

    • Leggendo il tuo commento mi è venuto in mente il forum e mi sono ricordata che all’inizio della scrittura ci siamo anche letti un po’ di messaggi sul forum per immedesimarci. Bello questo viaggio a ritroso che sto facendo.
      All’inizio ciò che è improbabile e così poco verosimile può suscitare delle perplessità.
      Ma quando ci addentriamo in una storia che qualcuno ha orchestrato per noi dobbiamo affidarci all’autore e vedere cosa ha saputo creare.
      È bello che susciti curiosità.
      Grazie

  6. questo Primo Capitolo getta una bella esca al lettore, che rischia di abboccare troppo in fretta alla storia raccontata da Alessandra. Il seguito potrebbe anche giustificare l’innegabile improbabilità dell’incontro iniziale. Ma forse sto fantasticando troppo…

  7. Complimenti per l’accattivante incipit: molto ben riuscito.
    Anche a me risulta un pò improbabile che sia solo il caso a far incontrare le due protagoniste, ma già dal primo capitolo mi sembra d’intuire che gli intrecci della narrazione si evolveranno in qualcosa d’inaspettato. O sbaglio?

  8. L’inizio è costruito per creare suspence. Secondo me ,però ,il tutto risulta artificioso ,poco verosimile e a tratti incoerente, con qualche tocco di eccessivo sentimentalismo. Non penso si vada a casa di una persona di cui si sa poco e niente, per esempio( la protagonista non sa neppure che Francesca abbia una figlia).Lasciamo la dovuta licenza alla narrativa. Comunque, almeno in questo primo capitolo i personaggi non li sento veri e non leggerei il libro.
    Spero siano accettati anche giudizi negativi ( assolutamente personali).

    • Certo, sono accettati tutti i giudizi. Leggere è una questione tanto personale e nessuno può discutere su cosa piace al lettore.
      Intuisco che a una prima lettura, così breve, potrebbe sembrare tutto molto strano.
      È vero che Alessandra non sa che Francesca ha una figlia e che si conoscono poco, infatti quando arriva è titubante. Ma le due si sono conosciute sul forum e Francesca, a quanto pare, è stata molto insistente.
      L’inizio non è costruito per creare suspence; è proprio nato così. Abbiamo avuto questa idea e l’abbiamo elaborata.
      Grazie del commento.

  9. Grazie a tutti dei commenti. Sempre preziosi.

  10. si mi è piaciuto molto questo inizio! intrigante il rapporto che ci sarà fra le 2 donne con l’uomo che le accomuna,dove andrà a parare la storia? Mi ha ricordato una serie spagnola molto forte:’ Il molo rosso’ che avevo visto di recente,è importante la suspence che si è creata

    • “Dove andrà a parare la storia” è stata la domanda principale, quella che ci ha spinto a scriverla. E di cose ne accadranno tante 😉
      Grazie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi il Primo Capitolo attualmente in vetrina. Di seguito trovi tutte le informazioni sul libro che stai per leggere e sull’autore.
Sei invitato a darci la tua opinione. Ti piace? Non ti piace? Cosa non ti convince? Cosa ti sembra eccellente?
Qui sotto i dettagli del libro. Poi potrai leggerlo e commentarlo.
alt="l'ultimo giro di valzer"/>

Morena Fanti

Marco Freccero

L’ultimo giro di valzer

Pagine 394

Autopubblicato

14,24 euro

4,99 euro (ebook)

Quarta di copertina

Cosa potrebbe accadere se due donne che si conoscono solo virtualmente decidessero di incontrarsi? Inizia così, con un incontro fortuito, una storia che sconvolge due vite. Alessandra accetta l’invito di Francesca per una cena a casa sua. Non sospetta affatto che quel viaggio da Bologna a Reggio Emilia le svelerà una verità inimmaginabile. Da quella rivelazione scaturirà prima un forte desiderio di vendetta; poi di amicizia, solidarietà, e un affetto da parte di Alessandra per la piccola Ludovica che provocherà una frattura e una rinascita. Un romanzo che parla di amore e di tradimento, di gelosia e di desiderio di vendetta. Ma anche un romanzo che parla di amicizia e di cambiamento, di famiglia e di vita. Due donne e un uomo: tre vite intrecciate e l’imprevisto che sempre fa agguati alla vita di ciascuno. L’ultimo giro di valzer è una tentazione per tutti e anche Michele non resisterà.

Primo Capitolo

Ogni volta un nuovo autore e un nuovo libro

Morena Fanti. L'ultimo giro di valzer

Morena Fanti

Morena Fanti Dal 2001 pubblico in vari siti web. Ho collaborato al quindicinale La voce dell’Isola, alla rivista culturale Pentelite e anche al litblog Viadellebelledonne. Sono fondatrice della rivista omonima. I miei racconti sono presenti in varie antologie. Ho pubblicato il libro Orfana di mia figlia (editore Il pozzo di Giacobbe, 2007) e il mio primo romanzo La centesima finestra (Narcissus self-publishing, 2012). Sono tra gli autori di In territorio nemico (Minimum fax, 2013). A novembre 2013 ho pubblicato un libro di racconti, Un uomo mi ha chiamata Tesoro. Il mio blog è http://morenafanti.wordpress.com

Marco Freccero. L'ultimo giro di valzer

Marco Freccero

Sono nato nel 1966 in un comune costiero della provincia di Savona. Non ho mai frequentato l’università, né ho conseguito la maturità. Ho lavorato, ovviamente. Garzone, operaio, autista, addetto alla preparazione merce, addetto alla vendita, magazziniere, aiuto magazziniere. Ora mi occupo di confezionare contenuti per siti web. Quindi, sono quello che si definisce un “web content writer”. Nei ritagli di tempo scrivo. Per esempio i racconti della Trilogia delle Erbacce o il romanzo “L’ultimo dei Bezuchov”; oppure il volume “Stella Nera - Le luci dell’Occidente”. Tutti autopubblicati. Il mio blog: marcofreccero.com

Morena Fanti

Marco Freccero

L’ultimo giro di valzer

Autopubblicato

Pagine 394

14,24 euro

4,99 euro (ebook)

Quarta di copertina

Cosa potrebbe accadere se due donne che si conoscono solo virtualmente decidessero di incontrarsi? Inizia così, con un incontro fortuito, una storia che sconvolge due vite. Alessandra accetta l’invito di Francesca per una cena a casa sua. Non sospetta affatto che quel viaggio da Bologna a Reggio Emilia le svelerà una verità inimmaginabile. Da quella rivelazione scaturirà prima un forte desiderio di vendetta; poi di amicizia, solidarietà, e un affetto da parte di Alessandra per la piccola Ludovica che provocherà una frattura e una rinascita. Un romanzo che parla di amore e di tradimento, di gelosia e di desiderio di vendetta. Ma anche un romanzo che parla di amicizia e di cambiamento, di famiglia e di vita. Due donne e un uomo: tre vite intrecciate e l’imprevisto che sempre fa agguati alla vita di ciascuno. L’ultimo giro di valzer è una tentazione per tutti e anche Michele non resisterà.